Slide 1 Slide 2 Slide 3 Slide 4 Slide 5

Workshop 2014

3 WORKSHOP

TOOLKIT FESTIVAL 2014 _ COMPOSITIONAL PHASES
3 WORKSHOP
26-27-28 SETTEMBRE _ Venezia

Toolkit Festival organizza una rassegna didattica attraverso lo svolgimento di 3 workshop simultanei incentrati sulla multimedialità e le nuove tecnologie utilizzate nelle pratiche artistiche contemporanee.

I corsi avranno sede a Venezia e si svolgeranno contemporaneamente nel corso di tre giorni.
Saranno tenuti da tutor esperti con una solida esperienza nei rispettivi ambiti di lavoro e sperimentazione: interattività e scenografia digitale (a cura di Martin Romeo), connessioni multidisciplinari arte/scienza e realtà aumentata (a cura di Luca Pozzi), suono e sound design (a cura di Andrea Santini).

I workshop appartengono ad ambiti disciplinari diversi e svilupperanno tematiche autonome, ma tutti e tre conduranno alla realizzazione di progetti personali, che convergeranno in un momento finale collettivo con tutti gli altri partecipanti, in modo da creare una possibilità di confronto critico e scambio di esperienze e riflessioni tra i tre diversi settori di ricerca.

 

WORKSHOP 1 : Realizzare le immagini

DESCRIZIONE
Il workshop fornisce gli strumenti necessari a costruire un progetto basato sull’utilizzo di elementi multimediali (scenografie interattive, performance audiovisuali, projection mapping, body tracking, ecc.).
Vengono affrontate le fasi e le problematiche della costruzione di un processo, dalla produzione alla messa in scena, per poter realizzare una propria opera artistica.
Il workshop approfondisce dal punto di vista sia teorico che pratico gli aspetti che costituiscono uno spettacolo di teatro/danza o un’installazione.
Il fine ulteriore é di comprendere le differenze nella creazione di queste due forme artistiche, ossia la modalità e la tempistica con cui gli elementi vengono impiegati e combinati tra loro: corpo, musica e immagine.

PROGRAMMA
Presentazione del software VVVV, apprendimento delle sue funzioni e delle principali caratteristiche che verranno impiegate durante i giorni del workshop. Sarà illustrato come programmare in real time partendo dalla connessione di molteplici webcam per mappare e modificare l’ambiente circostante, con la propria presenza o movimento, rendendolo interattivo. In riferimento all’esperienza personale di ciascun partecipante, saranno individuate situazioni e luoghi per intraprendere una strategia di produzione e presentazione dei progetti.
Sarà introdotta la camera Kinect per connettere il reale al virtuale; riconoscimento dello scheletro umano, individuazione dei suoi spostamenti nello spazio e utilizzo dell’infrarosso. Saranno date le nozioni per comprendere quali sono le caratteristiche di funzionamento per creare una relazione con l’immagine. Quest’ultima segue, risponde e interpreta in base al proprio cambiamento e ai parametri che il regista-artista ha preimpostato nel software, ipotizzando delle corrispondenze.

SOFTWARE E STRUMENTI UTILIZZATI
VVVV

REQUISITI E DOTAZIONI RICHIESTE
É necessario essere equipaggiati del proprio computer con sistema operativo Mac o Windows ed essere in possesso dell’ultima versione del software VVVV (scaricabile gratuitamente dal sito vvvv.org).

DOCENTE
Martin Romeo

MARTIN ROMEO _ BIO:
Martin Romeo è un artista multimediale la cui ricerca è rivolta all’arte interattiva, spaziando tra videoinstallazioni e performance di danza. Nato a Carrara nel 1986, cresce a Buenos Aires fino al ritorno in Italia nel 1999. Partecipa a numerosi festival internazionali, tra cui il Festival of Youth Experimental Art Projects in Bielorussia e il 29° International Sarajevo Winter Festival in Bosnia-Erzegovina. I suoi lavori sono stati esposti all’ Inside-Out Art Museum in Pechino, in Slovenia a Maribor (capitale europea della cultura 2012), e a varie biennali tra cui la 54° Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, all’interno del Padiglione Italia di Porto Vecchio a Trieste, e la 15° Biennale del Mediterraneo a Salonicco in Grecia. Come direttore artistico del Toolkit Festival di Venezia è riuscito a creare un punto d’incontro per l’arte interattiva in Italia.
www.martinromeo.com

Label
Martin Romeo, Label (2011), interactive dance (photography by Emanuele Girotti)

 

WORKSHOP 2 : I messaggi della gravità – Fascinazioni sul significato del termine network tra arte, fisica teorica e nuove tecnologie

DESCRIZIONE
Principalmente pensato come overview di tematiche poco esplorate in ambito “visivo” come Gravità Quantistica, Elettrodinamica, Entanglement, Effetto Tunneling, String Theory e Loop Quantum Gravity il workshop tenterà di offrire le basi immaginative in grado di superare i luoghi comuni legati a una concezione dell’universo (euclideo). Si tenterà di affrontare una realtà aumentata dimensionalmente e apparentemente contraddittoria dove gli eventi accadono simultaneamente in più luoghi e dove il tempo anziché procedere linearmente compie dei salti spiazzanti.

PROGRAMMA
Fase 1: Overview fisica teorica (DVD The Elegant Universe – The Fabric of the Cosmos ) + conversazione sul racconto fantastico a più dimensioni di E.Abbott “Flatlandia” in chiave contemporanea.
Fase 2: Spunti di arti visive (Esempio ricerca Luca Pozzi) .
Fase 3: Uscita presso un museo di Venezia e alla biennale di architettura per applicare esercizi di realtà aumentata di fronte alle opere del passato. Conversazione collettiva sulla base delle immagini raccolte con smart phone e altri devices.

SOFTWARE E STRUMENTI UTILIZZATI
Portatile, smartphone, tablet, audio recorder.

REQUISITI E DOTAZIONI RICHIESTE
Visione trasversale, interdisciplinare con particolare curiosità per la sfera scientifica.
Conoscenza della lingua inglese (intermediate).

DOCENTE
Luca Pozzi

LUCA POZZI _ BIO:
Luca Pozzi (1983), vive e lavora a Milano. Realizza installazioni ibride utilizzando diversi media e nuove tecnologie. Il suo lavoro è caratterizzato da una correlazione insolita tra fisica teorica, informatica e arte contemporanea. La combinazione di sculture magnetizzate, oggetti in levitazione, disegni di luce e un uso performativo della fotografia, concorre a creare, nei suoi lavori, una strana sensazione di tempo sospeso, dove passato, presente e futuro sembrano indistinguibili.
Il suo obiettivo è quello di estendere le possibili corrispondenze storiche e multidisciplinari ad una rete di pura informazione libera da confini geografici, politici e linguistici, studiando e approfondendo gli argomenti meno chiari e intuitivi della realtà contemporanea come la gravità quantistica , il teletrasporto, l’ entanglement, la realtà aumentata , i viaggi nel tempo, la cosmologia e la biodiversità.
Tra le più recenti mostre personali: Oracle 2013 (Riot Studio, Naples) e The Messages of Gravity 2013 (Grimmuseum, Berlin); W4O 2012 (Fondazione Barriera, Torino); W4O (1560-2012) (KaBe Contemporary, Miami); LOOPS 2011 (Fundación Pons, Madrid); W.O.G.U. Pennsylvania-Italy 1983/2009 e U-DRAWINGS 2010 (Galleria Federico Luger, Milano); A.E.W.O.M. Le Strabisme du Dragon 2010 (Museo Marino Marini, Firenze).
www.lucapozzi.com

Làputa Pyramid
Luca Pozzi, Làputa Pyramid (2010), electromagnetic levitation field, caucciù, green marble, wood pedestals, 100x43x42 cm

 

WORKSHOP 3 : Reinventare il suono – Introduzione alla programmazione audio in Pure Data

DESCRIZIONE

Questo workshop introduttivo mira a fornire le basi per la programmazioni di strumenti, sistemi e applicazioni per l’audio e il sound design interattivo utilizzando il software Pure Data. Con strumenti di programmazione quali Pure Data, musicisti, sound designer, DJ e performer possono inventare modi originali di generare e controllare il suono delle loro produzioni e performance dal vivo utilizzando ad esempio movimenti del corpo, oggetti o sensori che diventano quindi parte integrante della performance musicale. Grazie all’integrazione di nozioni teoriche e pratiche, al termine del workshop i partecipanti saranno in grado di progettare e sviluppare semplici sistemi ‘musicali’ utilizzando varie soluzioni hardware e software anche a basso costo. Il workshop si propone infatti di stimolare i partecipanti ad un utilizzo critico, creativo e innovativo delle risorse disponibili considerando tanto le funzioni artistico-estetico-espressive quanto diversi contesti e tipologie di ascoltatori del progetto.

PROGRAMMA
Fase 1: introduzione generale all’ambiente di programmazione Pure Data e analisi di alcuni esempi seguito da discussione di gruppo.
Fase 2 e 3 : Progettazione e sviluppo di un semplice sistema audio in Pure Data accompagnata a riflessione critica su modalità’ di utilizzo, fruibilità’ e validità’ creativa-espressiva del progetto stesso.

SOFTWARE E STRUMENTI UTILIZZATI
PureData

REQUISITI E DOTAZIONI RICHIESTE
Si richiede buona conoscenza dei sistemi operativi Mac o Windows e familiarità nella produzione o esecuzione musicale con il computer. É necessario essere equipaggiati del proprio computer con sistema operativo Mac o Windows e si consiglia di pre-installare l’ultima versione di Pure Data (disponibile gratuitamente al sito puredata.info). Altre esigenze hardware e software specifiche saranno discusse nel corso del workshop a seconda dei progetti da sviluppare.

DOCENTE
Andrea Santini

ANDREA SANTINI _ BIO:
Sostenitore di un approccio multidisciplinare, Andrea Santini lavora principalmente come artista, docente e ricercatore nell’ambito della musica elettroacustica, live-electronics, sound-art, new media, teatro e interazione audiovisiva. Nel 2012 ha completato un dottorato di ricerca al Sonic Arts Research Centre (Belfast) con un focus sulla musica spaziale del compositore veneziano Luigi Nono. Dal 2011 collabora come docente e consulente accademico in produzione audio e creative media per SAE Institute. E’ co-fondatore e direttore tecnico del gruppo di ricerca creativo UBIKteatro (Venezia). I suoi lavori audiovisivi e interattivi sono stati presentati in gallerie e festival internazionali tra cui Kernel Festival (Milan, IT, July 2011), Nem Summit (Turin, IT 2011), Toolkit Festival , (Venice, IT 2012), Sonorities, Festival of Contemporary Music (Belfast, UK 2012), Salone del Mobile (Milan, IT 2013), Tokyo Experimental Festival (Tokyo, JP, 2013), Earzoom Festival (Ljubljana, SI, 2013), Victoria & Albert Museum (London, UK, 2014).
www.ubikteatro.com

Oscilla
Andrea Santini – UBIKteatro , Beatrice all’inferno (2012) , performance

 

Informazioni pratiche:

DATE E ORARI DEI WORKSHOP
26 settembre 2014 (11:00 – 18:00)
27 settembre 2014 (11:00 – 18:00)
28 settembre 2014 (11:00 – 18:00)

LUOGO
Venezia

NUMERO PARTECIPANTI
Min. 5 / Max. 10 persone per ogni workshop. Al raggiungimento del numero massimo, le iscrizioni verranno chiuse.

COSTO PER OGNI SINGOLO WORKSHOP
100€
### PROMOZIONE ###
Per chi si iscrive entro il 31 agosto il costo sarà ridotto a 70 € .

CHIUSURA ISCRIZIONI
22 settembre 2014

ISCRIZIONI E INFORMAZIONI
scrivere una mail a : longhi.lucia@gmail.com